Dettaglio post

VULCAIN NAUTICAL: UN OROLOGIO, UNA STORIA

27/01/2016

L’orologio Vulcan Nautical, uscito nel 2002 è identico al modello originale del 1961.
L’orologio Vulcan Nautical è conosciuto in quanto è stato visto molte volte al polso dei presidenti degli Stati Uniti d’America a partire da Harry Truman ad oggi.
Il Vulcan Nautical ha una sua storia molto singolare:è un orologio che nasce dalla sinergia di 3 menti straordinarie quali Hannes Keller, matematico e subacqueo di Zurigo, e Max-Yves Barndily, cineasta, e Arthur Dros, istruttore nazionale d’immersione. Questi 3 professionisti avevano come obiettivo quello di realizzare il primo orologio svegliarino da immersione e ci riuscirono, infatti vide la luce il “Cricket Nautical”.

Il Cricket Nautical fu utilizzato per la prima volta nel 1961: doveva essere impermeabile fino a 300 metri di profondità, conteneva le tabelle di decompressione e doveva suonare in acqua per avvisare i subacquei una volta arrivati alla profondità desiderata.
Il primo requisito fu ovviato grazie alla costruzione di una cassa con due fondelli sovrapposti, il primo sottile per produrre le vibrazioni, e solido per sopportare la pressione della profondità.
Invece di avere una tradizionale lunetta, si adottò un quadrante centrale girevole attraverso una corona supplementare. Il primo era posizionato sopra un secondo quadrante fisso. Il Cricket Nautical possedeva un’apertura rettangolare laterale, dalla quale era possibile leggere la durata delle soste nelle diverse profondità. Il vetro fu sostituito da un materiale plastico molto più resistente e il movimento che si decise di utilizzare fu il calibro classico 120, ottenendo così una sonorità potente, favorita dalle vibrazioni sonore nell’acqua.
L’orologio fu testato per la prima volta da Keller il 3 luglio 1961 che si immerse nel Lago Maggiore alla profondità di 222 metri e che comunicò tale successo all’ufficio amministrativo della Vulcain con queste parole “ sono felice di annunciarvi di aver stabilito un nuovo record mondiale di immersione”.

Nel mercato fu lanciato subito nel 19621 con la ref. S2321 A con una resistenza fino a 30 atmosfere, calibro Vulcain 120 la prima cassa a carica manuale, ad anse dritte ed affusolate con un diametro di 42mm.
Nel corso degli anni ha subito delle modifiche, dettate dalle mode stilistiche dei vari periodi storici.
L’ultimo modello riproposto è del 2002, identico all’originale. La struttura è la medesima, porta sulle spalle tutta la storia dello storico 1961.
Si presenta con un cinturino in gomma, un “deployante” in acciaio inox lucido con fibbia inclusa, che risulta confortevole sia dentro che fuori dall’acqua. La larghezza della cinghia è di 22mm/19 mm e l’interno del cinturino è decorato con il simbolo Vulcain. La funzione che riguarda la decompressione rimane la sua caratteristica principale. Nel quadrante interno, rotante, si misura la tabella di profondità mentre il quadrante sottostante, di colore oro, è quello che determina la decompressione a 9m, 6m e 3m.
La funzione di allarme rimane essenziale, che deve essere impostata dal subacqueo in base al tempo in cui si svolgerà l’immersione, per risalire. Dal modello del 1961 sono decisamente cambiate le tabelle di decomposizione ma, per il resto, il modello rimane fedele all’originale del 1961.
Non è un orologio da indossare tutti i giorni ma per i collezionisti e gli appassionati rimane un’inestimabile opera d’arte ricca di storia.

Laura Girotti

Charlie